Partito di Alternativa Comunista

Via Draghi e tutti i governi capitalisti del mondo!

Via Draghi e tutti i governi capitalisti del mondo!

La piazza del 30 ottobre contro il G20 ci indica la strada.

 

 

 

Report della redazione web

 

 

Sabato 30 ottobre a Roma hanno sfilato migliaia di persone per gridare un forte «no» al G20. Il G20 rappresenta i governi dei più ricchi Paesi capitalisti del mondo, cioè i responsabili del massacro sociale e della devastazione ambientale in corso. Ipocritamente, Draghi e gli altri rappresentanti del grande capitale internazionale hanno lamentato il fatto che gran parte della popolazione mondiale non ha accesso ai vaccini. Hanno scordato di dire che sono loro i responsabili di tutto ciò: il rifiuto di abolire i brevetti sui vaccini e di rendere pubblica l’industria farmaceutica sta provocando una strage di massa, soprattutto nei Paesi poveri. Allo stesso tempo, bisogna ringraziare i governi capitalisti del G20 se il pianeta sta collassando a causa dell’inquinamento e del surriscaldamento climatico.
La piazza che il 30 ottobre ha contestato il G20 ci indica la via da seguire per cacciare Draghi e tutti i governi capitalisti del mondo. In tanti hanno risposto positivamente all’appello lanciato dai lavoratori Gkn e Alitalia per costruire una presenza combattiva a Roma in occasione del vertice. Al fianco del Collettivo di fabbrica Gkn e del Comitato Tutti a bordo No al piano Ita c’erano anche tante realtà di fabbrica e di lotta, tra cui attivisti del sindacalismo di base e gli studenti del FridayForFuture. Proprio gli studenti del FFF in piazza hanno ribadito la necessità di unire le lotte operaie e studentesche, ricordando che il sistema che sfrutta i lavoratori è lo stesso che distrugge l’ambiente.
Importante anche l’esempio dato dalle lavoratrici Gkn e Alitalia, che hanno organizzato uno spezzone unitario di sole donne: l’attacco che stanno subendo è anche violenza di genere, visto che sono tante le donne che rischiano di restare senza lavoro e, quindi, esposte a ricatti e violenze.
Tra le rivendicazioni gridate in piazza - e ribadite con forza dai lavoratori Gkn e Alitalia - c’è quella di un grande sciopero generale: è ciò che serve per smettere di subire e iniziare a contrattaccare.
Anche Alternativa comunista sabato 30 ottobre era in piazza al fianco degli operai e degli studenti nello spezzone «Insorgiamo». Pensiamo che da questo esempio di unità di classe e di lotta si debba partire per costruire i rapporti di forza che servono per cacciare Draghi e mettere all’ordine del giorno l’unica soluzione realistica alla devastazione in corso: l’abbattimento del sistema capitalistico e la costruzione di una società socialista.

 

 

Iscrizione Newsletter

Iscrizione Newsletter

Compila il modulo per iscriverti alla nostra newsletter - I campi contrassegnati da sono obbligatori.


Il campo per collaborare col partito è opzionale

 

Appuntamenti





campagna

tesseramento 2022

 






Il libro sulla lotta in Alitalia

 




 sabato 3 dicenbre

Cremona

 


Giovedì 24 novembre
 
Zoom nazionale 


giovedì 27 ottobre

zoom nazionale


 

Sabato 15 ottobre

Cremona 

 

 

 


Modena, 9 luglio

 


 16 giugno zoom nazionale 

 

 


sabato 28 maggio Cremona

 


martedì 17 maggio

 

 


 

Giovedì 28 aprile 

ROMA

 


Giovedì 21 aprile:

zoom nazionale sulla Resistenza

 


 

14 APRILE MILANO

ASSEMBLEA ZOOM

 


LUNEDI' 28 MARZO 

ASSEMBLEA ZOOM

 

 


 mercoledì 23 marzo

 


 

Lega Internazionale dei Lavoratori - Quarta Internazionale

NEWS Progetto Comunista n 117

NEWS Trotskismo Oggi n 20

Ultimi Video

tv del pdac