Partito di Alternativa Comunista

Le bombe Usa in Medio Oriente

Le bombe Usa in Medio Oriente

 

 

di Carlos Sapris*

 

 

Gli Stati Uniti hanno lanciato una serie di attacchi aerei contro obiettivi iracheni e siriani, causando decine di morti e feriti tra i civili, che vanno ad aggiungersi ai ripetuti attacchi in Yemen. L'amministrazione Biden ha dichiarato che questi attacchi sono in risposta agli attacchi contro le forze statunitensi in Giordania e in Iraq, una spiegazione che richiede la seguente domanda: cosa stanno facendo le forze statunitensi sul terreno in Giordania, Siria e Iraq?
Nonostante la fine ufficiale dell'invasione statunitense dell'Iraq nel 2011 - che ha lasciato dietro di sé uno Stato iracheno disorganizzato, diviso lungo linee settarie e impantanato nella povertà, nella corruzione e nella violenza - gli Stati Uniti hanno comunque mantenuto forze militari che contano migliaia di soldati in Iraq e nei Paesi vicini, la cui missione è proteggere gli interessi statunitensi nella regione. Queste forze sono gli agenti dell'imperialismo statunitense e fungono sia da ostacolo a qualsiasi autentica autodeterminazione dei popoli di Iraq, Giordania e Siria, sia da trampolino di lancio per le minacce contro l'Iran.
Sebbene questo sia già un motivo sufficiente per denunciare la macchina da guerra statunitense e per chiedere che i soldati vengano riportati a casa da tutti i dispiegamenti all'estero, vale la pena notare la particolare futilità e insensatezza dell'attuale serie di bombardamenti anche dal punto di vista dello stesso imperialismo statunitense. Come nello Yemen - dove Biden ha ammesso apertamente che gli attacchi aerei del suo governo continueranno nonostante la consapevolezza che non raggiungeranno l'obiettivo tattico dichiarato di porre fine agli attacchi dei militanti Houthi contro le navi internazionali - gli attacchi aerei in Iraq e in Siria non hanno un vero e proprio piano che li spieghi, se non quello di causare distruzione tra coloro che hanno osato opporsi agli alleati dell'imperialismo statunitense.
Quando il governo statunitense afferma di voler mantenere l'ordine in Yemen, Siria o Iraq, è importante ricordare il vero motivo alla base delle sue manovre militari: controllare le conseguenze dell'invasione genocida di Gaza da parte di Israele. Lungi dal proteggere la pace, gli attacchi aerei statunitensi stanno proteggendo una guerra; sono una rappresaglia contro ogni possibile risposta all'aggressione di Israele contro i palestinesi. L'esercito statunitense non sta combattendo contro l'instabilità del Medio Oriente, ma ne è la causa. Il suo sostegno a Israele è incompatibile con qualsiasi forma di democrazia nel mondo arabo e i crimini di Israele contro i palestinesi provocheranno continuamente una giusta resistenza armata contro di esso.
Il piano di battaglia del governo statunitense è abbastanza chiaro: spera di soffocare il grido di libertà dei palestinesi con una violenza insensata contro chiunque osi fargli eco, mentre si avvicina sempre di più a un conflitto militare diretto con il suo principale rivale regionale, l'Iran. Poiché anche la Russia mantiene mezzi militari in Siria e vi conduce periodicamente i propri attacchi aerei imperialisti, le manovre militari statunitensi in Siria minacciano ulteriormente la possibilità di un confronto diretto inter-imperialista e le sue disastrose conseguenze.
Anche dall’interno degli Stati Uniti dobbiamo opporci strenuamente ai tentativi del governo americano di coprire un genocidio con altra violenza, così come a tutti i tentativi di imporre o mantenere il dominio imperialista statunitense su altri Paesi. Spetta a noi costruire un ampio movimento di massa che si opponga al militarismo statunitense. Per fermare questa aggressione, non possiamo fare affidamento nemmeno sui Democratici più di sinistra del Congresso, i quali approvano regolarmente il bilancio militare che permette agli Stati Uniti di portare avanti questi attacchi. La nostra forza sta nel mobilitare la gente nelle strade fino a costringere il governo a piegarsi, proprio come accadde ai tempi del governo guerrafondaio di Nixon, che fu costretto a lasciare il Vietnam.
I lavoratori e le masse devono prendere consapevolezza della propria forza, al di fuori degli organi del nostro governo corrotto e irresponsabile, e chiedere la fine dei tentativi degli Stati Uniti di mantenere un'egemonia violenta sul Medio Oriente. Così facendo, possiamo piantare i semi di un movimento operaio in grado di sfidare il dominio capitalista, da Washington a Baghdad.

Stop ai bombardamenti in Yemen, Iraq e Siria!

Gli Stati Uniti fuori dal Medio Oriente!

Porre fine al sostegno degli Stati Uniti al genocidio di Israele contro i palestinesi!

 

*Workers Voice (Usa)

Iscrizione Newsletter

Iscrizione Newsletter

Compila il modulo per iscriverti alla nostra newsletter - I campi contrassegnati da sono obbligatori.


Il campo per collaborare col partito è opzionale

 

Campagne ed Iniziative





campagna

tesseramento 2024

 






Il libro sulla lotta in Alitalia

 




MODENA

DOMENICA 14-4


16 marzo

Milano

 


21 febbraio: zoom nazionale

 

 


4 febbraio

Bari


 

21 gennaio

formazione

 


31 dicembre

Bari


giovedì 21 dicembre

modena


domenica 17 dicembre

Cremona

 

 
 
 

 
4 dicembre
 
 

 
 16 ottobre ore 20.45
 
 

Cremona

sabato 14 ottobre ore 1530

 
 
 1-8-15 ottobre
 
 

 
festa in baracca
Cremona
 

 
martedì 27 giugno
zoom Milano
 
 
 

 
 
17 maggio
zoom nazionale su Marx
 
 
 

 

 

Lega Internazionale dei Lavoratori - Quarta Internazionale

NEWS Progetto Comunista n 131

NEWS Trotskismo Oggi n 22

Ultimi Video

tv del pdac